392.3380824 info@sicilife.com
it

Login

Registrati

Dopo aver creato il tuo account, sarai in grado di controllare le tue prenotazioni, lo stato dei tuoi pagamenti e potrai anche recensire le varie esperienze.
Username*
Password*
Conferma Password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Paese*
* Creando il tuo account accetti Termini e Condizioni e Privacy di SiciLife.com.

Già Iscritto?

Login

Siracusa e la sua ricchezza. Cosa vedere?

Avete già programmato un viaggio in Sicilia? Tra le vostre mete preferite avete inserito Siracusa? Ottima scelta perché è un tesoro da scoprire ed una destinazione che merita assolutamente la “spunta” sul vostro quaderno dei viaggi! Se ancora non lo avete fatto, beh, siete ancora in tempo per rimediare e godervi un favoloso soggiorno in una delle città siciliane più affascinanti.

Abbiamo individuato per voi una Top 20 di luoghi da visitare, per chi va un pò di corsa e necessita di ottimizzare i tempi. Sapete già, per esempio, che Siracusa è un set naturale dove noti produttori e registi hanno scelto di ambientare grandi pellicole divenute pezzi di storia del cinema? Beh, scoprirete anche questo.

Ecco la nostra Top 20.

  1. Parco Archeologico della Neapolis
  2. Teatro Greco 
  3. Ara di Ierone
  4. Anfiteatro Romano
  5. Orecchio di Dionisio 
  6. Catacombe di San Giovanni 
  7. Basilica Santuario Madonna delle Lacrime
  8. Museo archeologico regionale Paolo Orsi 
  9. Latomia dei Cappuccini
  10. Chiesa di Santa Lucia al sepolcro 
  11. Mercato di Ortigia
  12. Tempio di Apollo
  13. Fontana di Diana
  14. Duomo di Siracusa
  15. Ipogeo di Piazza Duomo
  16. Chiesa di Santa Lucia alla Badia 
  17. Fonte Aretusa
  18. Castello Maniace 
  19. Museo di palazzo Bellomo
  20. Teatro Massimo comunale 

Parco archeologico della Neapolis

Immerso in un’area di 35 ettari, il Parco Archeologico della Neapolis conserva i più importanti monumenti antichi nel cuore della Siracusa moderna. I punti nevralgici sono quattro: il Teatro Greco, l’anfiteatro Romano, l’Ara di Ierone II e le Latomie (tra cui l’orecchio di Dionisio). 

Scegli il nostro Neapolis Tour per non perderti nulla di una delle aree archeologiche più importanti del mondo. 

Consultate il sito della Regione per ulteriori info su orari e biglietti.

Il Teatro Greco

Uno degli edifici per spettacoli più importanti del mondo greco-occidentale, il teatro ha una lunghissima storia e da sempre attira numerosi turisti. Oltre a poter ammirare la sua bellezza, potrete assistere alle rappresentazioni teatrali classiche che vengono messe in scena dal periodo primaverile a quello estivo. 

Al seguente sito le info riguardanti le rappresentazioni: http://www.indafondazione.org/it/biglietteria/

Ara di Ierone 

L’Ara di Ierone II risalente al III secolo a.C. è dedicata a Giove Liberatore, in onore del quale si celebrava la festa delle Eleutheria, che prevedeva il sacrificio di 450 tori per volta. È un grande monumento con due ingressi, a sud e a nord; quest’ultimo un tempo era fiancheggiato da due Telamoni, di cui restano soltanto i piedi di quello di destra.

Anfiteatro Romano 

L’Anfiteatro Romano, di forma ellittica e quasi completamente scavato nella roccia, ha una dimensione notevole. Nel XVI secolo gli Spagnoli utilizzarono i grossi blocchi squadrati che lo caratterizzavano per costruire i bastioni di difesa dell’isola di Ortigia. All’epoca del suo massimo splendore, quello di Siracusa era il maggiore anfiteatro siciliano e uno dei più grandi in assoluto, secondo in Italia solo all’Arena di Verona.

Orecchio di Dionisio

Tra le antiche prigioni, la più famosa è quella del “Paradiso”, dove ammirerete il famoso “Orecchio di Dionisio”. Grazie alla forma di questa grotta, il crudele Dionisio sarebbe riuscito a sentire segretamente i discorsi dei suoi prigionieri. In effetti il suono è amplificato di 16 volte rispetto al normale, ve ne accorgerete una volta dentro! Questa e le altre antiche prigioni scavate nelle rocce le troverete all’interno del Parco archeologico della Neapolis, aperto tutti i giorni, pagando 10€ (intero) o 5€ (ridotto), ma se siete minori di 18 anni è gratuito.

Catacombe di San Giovanni

Emblema di stile gotico normanno, la semplicità lineare della Chiesa di San Giovanni alle Catacombe è messa in risalto dal verde delle piante che vi crescono dentro. Dal lato sud della chiesa ci si dirige verso le catacombe di a San Giovanni, parte dell’antica necropoli cristiana sotterranea (l’unico complesso di catacombe aperto al pubblico a Siracusa). 

Link diretto agli orari e prezzi dei biglietti.

Basilica Santuario Madonna delle Lacrime

La forma del Santuario richiama quella di una lacrima caduta dal cielo: come le lacrime che nell’agosto del 1953 scorsero sul viso della Madonna di gesso per diversi giorni.  Le lacrime sono state raccolte in un artistico e prezioso reliquiario, opera del professore Biagio Poidomani di Siracusa. L’ingresso al santuario è gratuito tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00. 

Museo archeologico regionale Paolo Orsi

Il museo è una zona di altissimo valore archeologico progettata su tre livelli: nel piano interrato vi è il medagliere; il primo livello custodisce reperti appartenenti alla preistoria e protostoria, alle colonie greche e all’età arcaica e classica; nel secondo livello troverete elementi dell’età ellenistico-romana. 

Approfitta della nostra promozione e visita il Museo con le nostre guide con il Neapolis Tour – opzione “Museo” e con l’Ortigia & Neapolis Tour – opzione “Museo”.

Al seguente link tutte le info circa orari di apertura e biglietti

Latomia dei Cappuccini

La Latomia, il cui nome deriva dalla sua originaria funzione di cava per l’estrazione della pietra, fornì per secoli il materiale da costruzione alla città di Siracusa. Grazie alla sua profondità e alla sua folta vegetazione che la rendeva inaccessibile, all’epoca dei grandi tiranni divenne una vera e propria prigione di guerra, per poi trasformarsi, nel corso dei secoli, in un luogo di culto. 

Chiesa di Santa Lucia al sepolcro

La Basilica di Santa Lucia al Sepolcro sorge sul luogo in cui la Santa fu martirizzata nell’anno 304. I Siracusani costruirono, infatti, dopo la pace di Costantino una chiesa dedicata alla martire, patrona della città. La sua figura è legata al suo miracoloso intervento durante un periodo di carestia, quando fece arrivare a Siracusa due navi cariche di cereali, ponendo così fine alla fame patita dal popolo.

Mercato di Ortigia

Tutti i giorni lungo la Via De Benedictis, sull’isola di Ortigia, dalle 7.30 fino 14.00, avrete modo di visitare il trionfo dei sapori e della gastronomia siciliana: lo storico Mercato di Ortigia. Proprio in prossimità della piazza Cesare Battisti troverete bancarelle e negozi inondate di formaggi , salumi, vini, liquori, conserve e spezie varie.

Ti consigliamo di non perdere l’occasione di visitarlo in compagnia del nostro chef locale, imparando i segreti della vera cucina siciliana.

Tempio di Apollo

Dove vedere il tempio dorico più antico della Sicilia? A Ortigia! Il tempio è stato trasformato nel corso dei secoli: in una chiesa bizantina, in una moschea araba, in una chiesa normanna e in una caserma spagnola. 

Fontana di Diana 

Al centro della Fontana di Diana, la dea della caccia si erge nella sua fierezza olimpica. Ai suoi piedi Alfeo assiste stupefatto alla trasformazione in fonte dell’amata ninfa Aretusa. Ammirare questa fontana equivale a leggere una favola, una leggenda: quella dell’amore di Alfeo e Aretusa.

Duomo di Siracusa

L’atmosfera che circonda il Duomo di Siracusa e tutta l’isola di Ortigia, dove è situato, è del tutto magica. Le stradine storiche che si incrociano vi porteranno indietro nel tempo e lo stile barocco dell’imponente chiesa dedicata alla dea Minerva, vi lascerà senza fiato. Tutti i giorni troverete la chiesa aperta dalle 10.00 alle 18.30, biglietto d’ingresso di 2€ (intero) o 1€ (ridotto).

Scegli l’orario che preferisci e goditi la visita guidata dell’isola di Ortigia con il nostro Ortigia Walking Tour, disponibile tutti i giorni.

Ipogeo di Piazza Duomo

L’ipogeo di Piazza Duomoè un percorso sotterraneo che dal punto più alto di Ortigia, ovvero da Piazza del Duomo, vi conduce al Foro Italico dove vi si trovano le mura della Marina. Il  punto di accesso venne individuato nel 1869 durante la realizzazione di lavori pubblici e poi, gli eventi bellici legati alla Seconda Guerra mondiale, riportarono l’attenzione sui vani sotterranei individuati nel secolo precedente. 

Al link trovate tutte le info dettagliate della visita.

Chiesa di Santa Lucia alla Badia

A pochissimi passi dal Duomo, un altro dei simboli più significativi dell’arte barocca e del mix di culture che ha visto protagonista Ortigia nel corso dei secoli: la Chiesa di Santa Lucia alla Badia. La chiesa dedicata alla patrona della città custodisce uno dei dipinti più noti di Caravaggio, nel quale è rappresentato il seppellimento della santa, ma anche segni velati della vita tormentata dell’artista. Tranne il lunedì, potete andare in qualsiasi giorno ad ammirare la bellezza del dipinto, gratuitamente, dalle 11.00 alle 16.00.

Fonte Aretusa

Non è una semplice fontana, è la metamorfosi di una ninfa bellissima che si innamorò del dio Alfeo e che per questo fu punita. Osservando lo scorrere dell’acqua e la distesa di papiri ritroverete il fascino della mitologia greca e della natura. 

Castello Maniace

Posto all’estremità dell’isola, a strapiombo sul mare, Castel Maniace è un magnifico esempio dell’architettura militare di Federico II. Era la fortezza dalla quale veniva difesa la meravigliosa e potente isola. Visitare il castello vi permetterà, tra le altre cose, di vedere l’isola dall’alto. 

Per info sull’ingresso al castello visitate il link

Museo di palazzo Bellomo 

La Galleria regionale di Palazzo Bellomo, sita nell’edificio di epoca sveva, raccoglie un prezioso patrimonio di opere provenienti da Siracusa e dalla Sicilia sud-orientale. Le collezioni del Museo rappresentano un viaggio cronologico, che si sviluppa su due piani, capace di farvi rivivere l’evoluzione dell’arte siciliana dall’epoca bizantina fino al diciottesimo secolo. 

Al link tutte le info relative al museo, orari e costo del biglietto.

Teatro Massimo comunale 

Il Teatro Comunale rientra nella concezione del teatro-monumento della città dell’Ottocento. L’architettura del teatro attraversa differenti codici stilistici dal neorinascimentale al neoclassico. Oggi è uno dei luoghi di maggior interesse a Siracusa.


Articolo a cura di Sabry (e Giula)

Foto cover di Max Salvato (www.maxsalvato.com e IG massy11_)

Foto in evidenza di Rossella Bonanno (IG rossyb83)

Lascia un commento